• Gennaro Duma

Tè Bianco del Verbano: ORO a Parigi

Il freddo non si è fatto attendere e noi non possiamo farci trovare impreparati. Abbiamo bisogno di riscaldarci. Cosa c’è di meglio di una bollente tazza di tè? Un tè da medaglia d’oro, il Tè Bianco del Verbano.

Ebbene sì, è proprio lui, il miglior tè del mondo. Il Tè bianco del Verbano si aggiudica il 1° posto a Parigi nella categoria dei tè bianchi al 3° concorso internazionale Teas of the World, l’unica competizione europea rivolta ai produttori di tè, organizzata dall’Agenzia Francese per la Valorizzazione dei Prodotti Agricoli (AVPA).

Il Concorso sul Tè AVPA è unico nel suo genere, basato su criteri gastronomici piuttosto che normati su uno standard, alla ricerca di un profilo sensoriale sorprendente piuttosto che consensuale.

Questa terza edizione di Teas of the World è stata la più competitiva della sua storia, con il maggior numero di campioni di tè in gara e la giuria più illustre mai riunita. La competizione era aperta a tutti i produttori di tè autorizzati dalle autorità locali competenti e a questa edizione hanno aderito aziende di 21 tra i maggiori Paesi produttori al mondo, tra cui Cina, India, Indonesia, Giappone, Kenya, Malawi, Nepal, Taiwan, Thailandia, Vietnam, per un totale di ben 220 referenze presentate in gara.

Il concorso era diviso in 6 categorie, rispettivamente quella dei tè verdi, dei tè bianchi, gialli, wulong, neri (rossi) e fermentati, a loro volta suddivise in 33 sotto-categorie e i migliori di ogni categoria hanno ottenuto, a seconda del loro merito, la medaglia Gourmet Oro, Gourmet Argento o Gourmet Bronzo.


Il maestro Marco Bertona – tea taster professionista diplomato in Cina e Delegato italiano presso il Gruppo Intergovernativo sul Tè della FAO – che ha portato in gara il nostro paese proprio con il Tè Bianco del Verbano dice: « Sono onorato di essere stato premiato con la medaglia Gourmet Oro per il Tè Bianco del Verbano. Un importante riconoscimento da parte di una giuria indipendente di esperti. Ed è un onore aver raggiunto questo piazzamento, tra così tanti apprezzabili prodotti ed autorevoli produttori».


In realtà il professor Bertona non è nuovo a queste prodezze. Già lo scorso anno si aggiudicò il Gold Award con il Tè Nero del Verbano, nientedimeno che in Cina, nella patria del tè, al 2019 International Black Tea Tasting Competition.

Un concorso internazionale per i tè neri e riservato ai soli produttori, organizzato dal Tea Industry Committee of China, un’agenzia governativa del Ministero dell’Agricoltura cinese. Anche in quella competizione il tè italiano del maestro Bertona primeggiò, a sorpresa, su di un centinaio di candidati provenienti dai maggiori Paesi produttori di tè al mondo, tra cui Cina, Nepal, Kenya e Vietnam, aggiudicandosi l’ambito premio.


«Quest’anno sono stato attratto dalla competizione organizzata dall’AVPA, non solo per la peculiarità del concorso, ma anche per la qualità della giuria, composta non solo da esperti internazionali di tè, ma anche da accreditati professionisti del settore gastronomico.

Una giuria indipendente composta da 50 giudici, tra cui alcuni tra i più importanti tea buyer ed esperti di tè europei, oltre ad autorevoli specialisti nell’arte culinaria. Un panel di giudici, quindi, non solo molto qualificato e capace, ma anche attento a interpretare le tendenze del mercato e a cogliere le novità del settore. Al termine della competizione sono state assegnate 22 medaglie Gourmet Oro, 27 Gourmet Argento e 28 Gourmet Bronzo (vedere nota 3).

Questo prestigioso riconoscimento per il nostro Paese, è l’ennesima conferma della capacità italiana di produrre un prodotto eccellente e innovativo anche in nuovi settori di mercato, e il maestro Bertona, che ormai merita di diritto di essere considerato l’Alchimista del Tè Italiano, ha aperto la strada verso un nuovo inizio e potenziale filiera del Tè Made in Italy.


Per maggiori informazioni sul tè italiano consultare il sito internet www.assoteinfusi.it.


Modulo di iscrizione

©2020 di Ma che forte. Creato con Wix.com

  • Facebook
  • Instagram